News ed eventi in Friuli logo turismo fvg

 

Prosecco: la lunga strada verso l’eccellenza.

 

Per garantirne la qualità, dal 2009 il prosecco è stato protetto elevandolo da mero vitigno a vino DOC, e da questa data può essere prodotto solo in Friuli Venezia-Giulia e in Veneto. Questa svolta è stata dettata dal buon senso e dall’estremo bisogno di una regolamentazione nell’ambito di questo vino, si doveva in qualche modo tamponare il proliferare di prodotti di dubbia qualità che iniziavano a spuntare in ogni parte del mondo e prendevano il nome prosecco solo perché era stata utilizzata, appunto, l’uva “prosecco” come materia prima. Per rendere attiva la tutela è stata creata una macrodoc interregionale che comprende il Friuli Venezia Giulia ed il Veneto “agganciandosi” alla piccola frazione di Prosecco che si trova nel comune di Trieste nel carso triestino. Dal 17 luglio del 2009, l’uva prosecco ha ripreso la denominazione storica di Glera, il nome contadino che veniva dato a quest’uva nei tempi antichi, ed il prosecco è diventato a tutti gli effetti un vino Doc disciplinato e sulla cui qualità non ci si deve affidare unicamente a chi lo produce ma vi è un regolamento sottostante che impone limiti e regole su come allevarne la vite, sulla produzione e sulle tecniche di vinificazione da utilizzare.

 

Vai alla promo sui prosecchi

 

 

I VINI PREMIATI DA BIBENDA CON I 5 GRAPPOLI:

❙ FRIULI VENEZIA GIULIA

Braide Alte 2012 | LIVON

Capo Martino 2012 | JERMANN

Carso Malvasia Dileo 2013 | CASTELVECCHIO

Carso Vitovska Collezione 2009 | ZIDARICH

Colli Orientali del Friuli Bianco Pomédes 2012 | SCUBLA

Colli Orientali del Friuli Biancosesto 2012 | LA TUNELLA

Colli Orientali del Friuli L'Arcione 2009 | LA TUNELLA

Colli Orientali del Friuli Merlot Vigne Cinquant'Anni 2011 | LE VIGNE DI ZAMÒ

Colli Orientali del Friuli Picolit 2009 | LIVIO FELLUGA

Colli Orientali del Friuli Refosco 2011 | LA RONCAIA

Colli Orientali del Friuli Sauvignon Zuc di Volpe 2013 | VOLPE PASINI

Collio Bianco 2013 | COLLE DUGA

Collio Bianco 2013 | RONCO BLANCHIS

Collio Bianco Broy 2013 | COLLAVINI

Collio Bianco Col Disôre 2011 | RUSSIZ SUPERIORE

Collio Bianco Collio 2013 | EDI KEBER

Collio Bianco Vecchie Vigne 2010 | RONCÙS

Collio Bianco Vigne 2013 | ZUANI

Collio Friulano 2013 | TOROS

Collio Pinot Bianco 2013 | SCHIOPETTO

Collio Sauvignon 2013 | COLLE DUGA

Collio Sauvignon de La Tour 2013 | VILLA RUSSIZ

Collio Sauvignon Ronco delle Mele 2013 | VENICA

Dut'Un 2011 | VIE DI ROMANS

Friuli Isonzo Chardonnay Jurosa 2012 | LIS NERIS

Friuli Isonzo Friulano La Vila 2012 | LIS NERIS

Friuli Isonzo Rive Alte Bianco Flors di Uis 2012 | VIE DI ROMANS

Mario Schiopetto Bianco 2011 | SCHIOPETTO

Vespa Bianco 2012 | BASTIANICH

Vintage Tunina 2012 | JERMANN

 

 

 

I VINI PREMIATI DAL GAMBERO ROSSO:

TRE BICCHIERI 2015

 

Carso Vitovska V. Collezione 2009 Zidarich
COF Ellegri  2013 Ronchi di Manzano
COF Pinot Grigio 2013 Torre Rosazza
COF Rosso Sacrisassi 2012 Le Due Terre
COF Sauvignon Zuc di Volpe 2013 Volpe Pasini
Collio  2013 Ronco Blanchis
Collio Bianco Broy 2013 Collavini
Collio Chardonnay Gmajne 2011 Primosic
Collio Friulano 2013 Schiopetto
Collio Friulano Manditocai 2012 Livon
Collio Malvasia 2013 Doro Princic
Collio Malvasia 2013 Ronco dei Tassi
Collio Pinot Bianco 2013 Franco Toros
Collio Pinot Bianco 2013 Castello di Spessa
Collio Pinot Bianco 2013 Picéch
Collio Sauvignon 2013 Tiare - Roberto Snidarcig
Collio Sauvignon Ronco delle Mele  2013 Venica & Venica
Friuli Grave Pinot Bianco 2013 Le Monde
Friuli Isonzo Friulano Dolée 2012 Vie di Romans
Friuli Isonzo Pinot Grigio Gris 2012  Lis Neris
Malvasia 2010 Damijan Podversic
Noans 2012 Tunella
Ograde 2012 Skerk
Rosazzo Bianco Terre Alte 2012 Livio Felluga
Severo Bianco 2012 Ronco Severo
Vintage Tunina 2012 Jermann
W.... Dreams.... 2012 Jermann

 

 

Il miglior SAUVIGNON del mondo si produce a Dolegna.

 

Il Sauvignon dell'azienda Tiare (Collio DOC) ha ricevuto un trofeo speciale oltre alla medaglia d'oro  al 5° "Concours Mondial du Sauvignon" a Bordeaux Francia.

Il concorso, che premia i migliori sauvignon provenienti da tutto il mondo, è nato con l'obiettivo di valorizzare questo vitigno e promuovere i vini derivati.

Il riconoscimento consegnato all'azienda Tiare sottolinea ancora una volta la vocazione delle colline friulane per la produzione di vini bianchi.

 

Il Sauvignon di Tiare ci piace per la sua accattivante aromatica freschezza. Per il suo perfetto equilibrio, per la mineralità e per il fragrante bouquet.



 

 

 

 

 

 

 

anche per il 2014 il Friuli Venezia Giulia si riconferma tra i grandi protagonisti del panorama vinicolo nazionale. Infatti numerosi sono i vini premiati con l'ambito riconoscimento dei 3 bicchieri del Gambero Rosso.

Vinidocfriuli, rivendita specializzati di vini friulani, vi propone la lista comleta dei vincitori:

 

FRIULI VENEZIA GIULIA

Colli Orientali del Friuli Doc Bianco Tové 2010 - Marco Cecchini

Colli Orientali del Friuli Doc Refosco dal Peduncolo Rosso 2009 - Talis Wine

Colli Orientali del Friuli Doc Refosco dal Peduncolo Rosso 2011 - Scubla Roberto

Colli Orientali del Friuli Doc Friulano 2012 - Ronco delle Betulle

Colli Orientali del Friuli Doc Friulano 2012 - Valentino Butussi

Colli Orientali del Friuli Doc Pignolo 2007 - Il Roncal

Colli Orientali del Friuli Doc Refosco dal Peduncolo Rosso 2011 - Vigna Petrussa

Colli Orientali del Friuli Doc Ribolla Gialla 2012 - Borgo Judrio

Colli Orientali del Friuli Doc Schioppettino 2009 - Gigante Adriano

Colli Orientali del Friuli Doc Schioppettino di Prepotto 2009 - Pizzulin Denis

Collio Doc Bianco 2012 - Keber Edi

Collio Doc Friulano 2011 - Schiopetto

Collio Doc Friulano 2012 - Muzic

Collio Doc Friulano 2012 - Picèch Roberto

Collio Doc Friulano 2012 - Toros Franco

Collio Doc Friulano Zabura 2012 - Skok

Collio Doc Malvasia 2012 - Picèch Roberto

Collio Doc Malvasia 2012 - Ronco dei Tassi

Collio Doc Malvasia 2012 - Villa Russiz

Collio Doc Ribolla Gialla 2012 - Vosca Francesco

Collio Doc Ribolla Gialla Marco Felluga 2012 - Marco Felluga - Russiz Superiore

Friuli Aquileia Doc Refosco dal Peduncolo Rosso Riserva 2008 - Valpanera

Friuli Colli Orientali Doc Refosco dal Peduncolo Rosso Ronco del Balbo 2009 - Petrucco

Friuli Isonzo Doc Malvasia Vigna della permuta 2012 - Ronco del Gelso

Ramandolo Docg La Roncaia 2010 - La Roncaia

Venezia Giulia Igt Bianco Pensiero 2010 - Petrussa

Venezia Giulia Igt Bianco Stara Brajda 2011 - Lupinc

Venezia Giulia Igt Malvasia 2011 - Škerk

Venezia Giulia Igt Terrano 2011 - Škerk

Venezia Giulia Igt Vitovska 2010 - Škerlj

Venezia Giulia Igt Vitovska 2011 - Zidarich

Venezia Giulia Igt Vitovska Selezione 2006 - Kante

 

 

 

I VINI D'ITALIA 2013 - LA GUIDA L'ESPRESSO

E' uscita la dodicesima edizione della prestigiosa guida redatta dall'Espresso, strumento utilissimo per gli operatori del settore o per i semplici appassionati che si vogliono orientare circa i vini del nostro paese. I vini testati sono stati ben 25.000 mentre quelli premiati con le 5 bottiglie, che hanno quindi ottenuto un punteggio di almeno 18/20, sono 232.

Di seguito i vini del Friuli Venezia Giulia premiati come etichette d'eccellenza dalla Guida I Vini d'Italia 2013 - Espresso food&wine:

Vini Bianchi

18.5 Collio Friulano 2011 Colle Duga

18.5 Isonzo del Friuli Bianco Latimis 2011 Ronco del Gelso

18 Collio Friulano 2010 Schiopetto Mario

18 Isonzo del Friuli Pinot Grigio Gris 2010 Lis Neris

18 Kaplja 2008 Podversic Damijan

18 Malvasia 2009 Skerlj

18 Vitovska Selezione 2004 Kante

Vini Rossi

18 Carso Rosso Crnina 2010 Bole

18 Colli Orientali del Friuli Schioppettino Cialla 2008 Ronchi di Cialla

18 Colli Orientali del Friuli Schioppettino di Prepotto 2009 Petrussa

I vini d'italia 2013


BIBENDA 2013

I VINI PREMIATI CON I 5 GRAPPOLI AIS

Anche per l'edizione 2013 la prestigiosa guida DEMILAVINI assegna a molte aziende friulane l'ambito riconoscimento dei 5 grappoli. La grande novità di quest'anno è certamente il nuovo nome della guida che dallo storico DUEMILAVINI diventa BIBENDA, come il portale online dell'associazione.

Bibenda, il ilbro guida ai migliori vini e ristoranti d'Italia,  è a cura di AIS associazione italiana sommerlier, che rappresenta la voce più autorevole in campo di degustazione e selzioni di vini.

Il Friuli si colloca al terzo posto nella lista delle regioni più premiate con 32 referenze.

 

Friuli Venzia Giulia

Bianco Kaplja 2008 – Podversic
Carso Malvasia 2009 – Skerk
Colli Orientali Del Friuli Bianco Biancosesto 2010 – La Tunella
Colli Orientali Del Friuli Friulano Vigne Cinquant’anni 2009 – Le Vigne di Zamò
Colli Orientali Del Friuli Merlot 2009 – Le Due Terre
Colli Orientali Del Friuli Picolit 2008 – Aquila del Torre
Colli Orientali Del Friuli Pinot Bianco Zuc Di Volpe 2010 – Volpe Pasini
Colli Orientali Del Friuli Refosco Vigna Dominin 2008 – Meroi
Colli Orientali Del Friuli Rosazzo Bianco Terre Alte 2009 – Livio Felluga
Colli Orientali Del Friuli Verduzzo Crei 2009 – Sara & Sara
Collio Bianco Broy 2010 – Collavini
Collio Bianco Collio 2010 – Edi Keber
Collio Bianco Fosarin 2010 – Ronco dei Tassi
Collio Bianco Vigne 2010 – Zuani
Collio Friulano 2010 – Colle Duga
Collio Friulano 2010 – Toros
Collio Malvasia 2010 – Dario Raccaro
Collio Malvasia Istriana 2010 – Doro Princic
Collio Pinot Bianco Di Santarosa 2009 – Castello di Spessa
Collio Sauvignon De La Tour 2010 – Villa Russiz
Collio Sauvignon Ronco Delle Mele 2010 – Venica
Dut’un 2008 – Vie Di Romans
Friuli Isonzo Friulano 2009 – Borgo San Daniele
Friuli Isonzo Malvasia 2010 – Drius
Friuli Isonzo Rive Alte Pinot Grigio Sot Lis Rivis 2010 – Ronco del Gelso
Friuli Isonzo Rive Alte Sauvignon Piere 2009 – Vie di Romans
Malvasia 2008 – Kante
Mario Schiopetto Bianco 2008 – Schiopetto
Ribolla Anfora 2005 – Gravner
Rosso Gravner Riserva 2000 – Gravner
Tal Lùc 2008 – Lis Neris
Vintage Tunina 2009 – Jermann

 

 

 

 

 



 

 

 

 

A Natale il pensiero perfetto è sicuramente una bottiglia di vino che riscalda il cuore e regala sempre un sorriso. Ma come fare per scegliere la bottiglia giusta? Con Vinidocfriuli è facilissimo, basta provare online “trova il tuo vino” un percorso guidato che aiuta ad orientarsi nella scelta del vino ideale.

In generale per un invito a cena si può optare per una bottiglia di bollicine accompagnata da un vino rosso o bianco in base al menu della cena oppure ai gusti dei padroni di casa.

Per un regalo di Natale si può scegliere un vino fermo rosso di corpo e mediamente invecchiato che si sposa con la maggior parte dei piatti della tradizione assieme ad una bottiglia di vino dolce come Picolit o Ramandolo.

 

SLOW WINE 2013

 

Anche per il 2013 la Guida Slow Wine, curata da Giancarlo Gariglio e Fabio Giavedoni, ha stilato la lista dei grandi vini e i migliori vini del Nord Est. Il Friuli Venezia Giulia è il protagonista indiscusso di questa categoria con delle importanti riconferme e delle belle sorprese.

Il grande merito di questa guida è senza dubbio quello di dare molta importanza ai vignaioli, al tipo di lavoro svolto in cantina e alla serietà produttiva su tutta la linea di prodotti. Quindi oltre al riconoscimento del singolo prodotto, si vuole dare anche riconoscimento al produttore.

La lista si suddivide in GRANDI VINI, VINI SLOW e VINI QUOTIDIANI



GRANDI VINI del Nord Est
Friuli:
COF Friulano 2011 - Petrussa
Collio Bianco 2011 - Colle Duga
Collio Friulano 2011 - Isidoro Polencic
Collio Pinot Bianco 2011 - Venica & Venica
Les Enfants 2011 - Villa Russiz
Friuli Isonzo Chardonnay Ciampagnis Vieris 2010 - Vie di Romans

VINI SLOW
Friuli:
COF Chardonnay 2011 - Ronco del Gnemiz
COF Friulano AT 2011 - Aquila del Torre
COF Verduzzo 2011 - I Clivi
Collio Bianco 2011 - Edi Keber
Collio Bianco Vigne 2011 - Zuani
Collio Friulano 2011 - Vosca
Collio Friulano Vigna del Rolat 2011 - Raccaro
COF Friulano Vigne Cinquant'anni 2010 - Le Vigne di Zamò
Friuli Isonzo Friulano 2010 - Borgo San Daniele
Carat 2006 - Bressan Mastri Vinai

VINI QUOTIDIANI
Friuli:
COF Bianco 2011 - Visintini
COF Friulano 2011 - Butussi
COF Friulano 2011 - Pizzulin
COF Friulano 2011 - Volpe Pasini
Collio Malvasia 2011 - Buzzinelli
Friuli Annia Sauvignon 2011 - Bortolusso
Friuli Aquileia Malvasia 2011 - Mulino delle Tolle
Friuli Grave Pinot Grigio 2011 - Vistorta
Friuli Isonzo Pinot Bianco 2011 - Tenuta di Angoris
Friuli Isonzo Sauvignon 2011 - Carlo di Pradis

 

 

copertina guida

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Tre Bicchieri 2013 Friuli Venezia Giulia

Gambero Rosso

Domenica si è conclusa a Roma la 2 giorni di premiazione ai migliori vini d’Italia. Come ogni anno la lista dei grandi vini è ricca e articolata. La guida del Gambero Rosso è diventata negli anni un punto fermo e un riferimento nel mondo enologico, soprattutto per scegliere i vini e conoscere le eccellenze d’Italia.

Anche quest’anno il Friuli Venezia Giulia si è ritagliata un posto di grande importanza nella lista, infatti ben 27 vini, uno in più rispetto al 2012, hanno meritato la medaglia d’oro.

A fianco delle grandi riconferme che da anni ricevono questo riconoscimento, come Arbis Blanc di Borgo San Daniele e Sauvignon Ronco delle Mele di Venica, troviamo delle novità interessanti come il Manditocai di Livon e Illivio di Livio Felluga.


 

tre bicchieri 2013

 

 

 

Di seguito la lista dei premiati:

Arbis Blanc 2010 Borgo San Daniele
Capo Martino 2010 Jermann
Cof Bianco Biancosesto 2011 La Tunella
Cof Bianco Illivio 2010 Felluga Livio
Cof Friulano 2010 Meroi
Cof Rosazzo Bianco Ellegri 2011 Ronchi di Manzano
Cof Rosso Sacrisassi Rosso 2010 Le Due Terre
Cof Sauvignon Zuc di Volpe 2011 Volpe Pasini
Cof Veduzzo Friulano Cràtis 2009 Scubla
Cof Veduzzo Friulano Crei 2010 Sara e Sara
Collio Bianco Broy 2011 Collavini
Collio Bianco 2011 Colle Duga – Damjan Princic
Collio Friulano Manditocai 2010 Livon
Collio Friulano Zegla Riserva 2008 Keber Renato
Collio Friulano 2011 Kitzmüller Thomas
Collio Friulano 2011 Toros
Collio Malvasia Vigna Runc 2011 Il Carpino
Collio Malvasia 2011 Princic Doro
Collio Malvasia 2011 Raccaro
Collio Malvasia 2011 Ronco dei Tassi
Collio Pinot Bianco 2011 Castello di Spessa
Collio Pinot Grigio 2011 Russiz Superiore
Collio Sauvignon Ronco delle Mele 2011 Venica
Friuli Isonzo Pinot Grigio Gris 2010 Lis Neris
Friuli Isonzo Sauvignon Piere 2010 Vie di Romans
Ograde 2010 Skerk
Prulke 2010 Zidarich

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

VINIDOCFRIULI presenta i suoi vini a Gusti di Frontiera, Gorizia 27-30 settembre 2012.

 

Con ancora in bocca i sapori locali del Friuli doc ma pronti ad espanderli attraverso nuove esperienze enogastronomiche, eccoci alle porte di un altro imperdibile appuntamento con la buona tavola: dal 27 al 30 settembre ritorna Gusti di Frontiera, kermesse che unisce i nostri prodotti nazionali agli stuzzicanti piatti, a volte sconosciuti, d’oltre confine.

Le strade del centro di Gorizia saranno pervase da una trama di profumi e gusti provenienti da tutt’europa e non solo, a pochi metri di distanza si potranno assaporare cucine diverse ed insolite che stupiranno e conquisteranno il palato di chi s’immergerà in questo eccezionale melting pot culinario.

Quest’anno i numeri della manifestazione toccheranno cifre record: i quasi 2 chilometri dedicati all’evento ospiteranno circa 250 stand per 20 nazioni raggruppate in 11 “borghi geografici” tra cui Italia, Latino, Francia, Balcani, Europa Centrale ed altri ancora.

 

All’interno di questo appetitoso intreccio di aromi non potevano mancare i vini tipici della nostra regione a far da accattivante collante all’appetitosa varietà dei cibi presenti. Come non cogliere l’occasione per abbinare una bollicina nostrana alle ostriche francesi o accompagnare un goulash balcano con un refosco dal peduncolo rosso o esaltare il pesce spagnolo con una malvasia nostrana o, semplicemente, per pulire le nostre papille gustative tra un assaggio e l’altro con un “tovagliolo” dal sapore conosciuto e sempre appagante?

VINIDOCFRIULI sarà per questo presente con uno stand in piazza Vittoria, Villaggio dell'amicizia specialità delle Dolomiti.



Porteremo con noi una selezione delle nostre oltre cinquanta etichette per poter dare a tutti voi una panoramica esaustiva e di gran pregio di tutte le zone doc regionali: si potranno assaporare i vini già presentati nel corso del Friuli doc, verranno proposte nuove cantine particolarmente adatte ai cibi protagonisti dell’evento e saranno promossi i nuovi prodotti appena entrati nel nostro catalogo, il tutto attraverso il nostro calice da degustazione professionale.

 

Il nostro obiettivo rimane quello di far emergere e rafforzare le eccellenze enoiche della nostra regione in modo che tutti, esperti e non, possano riconoscerle, apprezzarle e farle proprie. La nostra mission continua anche al di fuori della manifestazione, nel nostro negozio on-line è possibile trovare oltre 50 etichette regionali e i prodotti premiati con i prestigiosi riconoscimenti dei 5 Grappoli della guida Duemilavini 2012 e 3 Bicchieri della guida Vini d'Italia 2012 del Gambero Rosso, realizziamo la personalizzazione delle bottiglie per eventi in alternativa alle classiche bomboniere o come regalo speciale per un avvenimento da ricordare, inoltre, l’azienda si occupa di distribuzione all’ingrosso, rifornendo bar, enoteche e ristoranti di tutti i vini presenti a catalogo, senza obbligo di minimi d’acquisto, con consegna diretta dei prodotti e un servizio efficace e veloce.

 


 

Vi aspettiamo numerosi a Gorizia, non perdete l’occasione di vivere “Gusti di Frontiera”: perché il gusto non ha frontiere!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

VINIDOCFRIULI presenta i suoi vini a Friuli DOC, kermesse dedicata al mondo dell’enogastronomia del Friuli Venezia Giulia.

 

 

E’ partito il conto alla rovescia per l’inaugurazione della XVII edizione di Friuli DOC che si terrà a partire da Giovedi 13 e fino a Domenica 16 Settembre 2012. Nonostante le polemiche che hanno caratterizzato le ultime settimane d’Agosto, Udine si prepara al tradizionale appuntamento con la festa, la città sarà animata da stand gastronomici, spettacoli musicali, mostre, gruppi folkloristici e molto altro ancora.

Numeri da record hanno caratterizzato le precedenti edizioni di Friuli DOC che anche quest’anno si prepara ad ospitare numerosi turisti ed ospiti illustri. La popolarità della manifestazione si è estesa non solo oltre i confini regionali ma anche internazionali, infatti per i quattro giorni di kermesse sono attesi turisti dall’Austria, Slovenia e da tutta Europa.

 

 


 

In un evento cosi importante dedicato al mondo dell’enogastronomia non poteva mancare Vinidocfriuli, azienda udinese specializzata nella commercializzazione di vini del Friuli Venezia Giulia.

Un ampia selezione dei vini di Vinidocfriuli si potrà trovare allo stand della Pro Loco Pontebba che proporrà a tutti gli ospiti degustazioni dei migliori vini del territorio offrendo alcuni prodotti per ogni zona doc e varie cantine, tra cui azienda agricola Livon e Ronco dei Tassi, pluripremiati produttori friulani che hanno saputo distinguersi per una produzione di qualità di alto livello. Sarà un modo piacevole e diverso per avere una panoramica della produzione d’eccellenza di tutto il territorio regionale.

Lo stand della Proloco Pontebba con i vini Vindocfriuli si trova in Largo Ospedale Vecchio, alle spalle di piazza Venerio, zona che da quest’anno è diventata – assieme alla vicina Piazza XX Settembre – il cuore pulsante della manifestazione. Infatti i più tradizionali e amati stand assieme a quelli istituzionali sono stati dislocati nell’arteria che partendo da Piazza XX Settembre passa da Largo Ospedale Vecchio e si estende fino in Via Crispi.

 

Vinidocfriuli nasce con l’obiettivo di promuovere i vini friulani nel mondo e presentare una vetrina completa della produzione del territorio. L’ampio assortimento conta oggi oltre 50 etichette diverse con una selezione dei migliori prodotti per ogni cantina, da Vinidocfriuli è possibile trovare tutti i prodotti premiati con i prestigiosi riconoscimenti dei 5 Grappoli della guida Duemilavini 2012 e 3 Bicchieri della guida Vini d'Italia 2012 del Gambero Rosso.

Vinidocfriuli ha saputo portare nel mondo della tradizione vinicola un po’ di innovazione presentando il primo sito di vendita online di vini friulani e rispondendo alle richieste della clientela con servizi inediti e dedicati come le consegne gratuite in città e la personalizzazione delle bottiglie per eventi o come regalo speciale o in alternativa alle classiche bomboniere.

L’azienda si occupa anche di distribuzione vini all’ingrosso, rifornendo bar, enoteche e ristoranti di tutti i vini presenti a catalogo, senza obbligo di minimi d’acquisto, con consegne diretta dei prodotti e un servizio efficace e veloce.

 

 

Approfondimento: NELLE BOTTI PICCOLE CI STA IL VINO BUONO. MA E' DAVVERO COSI?


Spesso nelle descrizioni dei vini ci troviamo di fronte a parole come “affinamento in legno”, “maturato in barrique” o semplicemente “barricato”.

L’uso del legno per il contenimento del vino ha radici antichissime che risalgono addirittura al tempo degli egizi, per moltissimi anni è stato il materiale più utilizzato per la conservazione ed il trasporto del vino. Solo nel corso del XX secolo sono stati introdotti nuovi materiali quali vetroresina, cemento e soprattutto l’acciaio inox il materiale che oggi è in assoluto il più utilizzato.


I primi ad utilizzare il legno per l’affinamento e la maturazione dei vini furono i francesi, che incominciarono a sperimentare le botti per migliorare i vini intuendo che il legno conferisce al vino complessità aromatica e gustativa, rotondità, ma soprattutto longevità e stabilità nel tempo. Oggi l’affinamento in legno è una pratica molto comune in tutti i paesi produttori di vino. Per la costruzione sono utilizzati diversi tipi di essenze, la scelta del legno è molto importante, la più diffusa è la quercia poiché gli altri tipi di legno sono troppo porosi e conferiscono aromi troppo forti al vino.
Il legno di quercia può avere diverse provenienze, anzitutto occorre distinguere tra quercia europea e quercia americana. La quercia d’Europa proviene in maggior parte dalla Francia, rovere francese, e in parte dalla slovenia, rovere baltico. In base alla sua provenienza il legno ha caratteristiche diverse, più o meno tannini, diversi livelli di aromaticità e pori diversi per l’interscambio di ossigeno con l’esterno.
Le differenze principali tra legno europeo ed americano sono il contenuto di tannini (più alto in Europa) e l’apporto di sostanze aromatiche (maggiore in America). Il legno in se non è l’unica differenza, ma anche il tipo di lavorazione influisce sul rilascio di sostanze. Le doghe delle botti europee vengono ricavate per spacco, cioè spaccate una ad una, mentre le americane vengono segate. Le doghe segate rilasciano aromi più intensi a causa della rottura delle cellule del legno.

Inoltre il legno americano viene fatto essicare in fornace, mentre quello europeo all'aperto per anni, in questo modo i tannini sono molto duri perchè non perdono la loro aggressività. Il periodo di stagionatura delle tavole va dai 18 mesi per quelle più sottili fino a 4-5 anni per quelle di spessore elevato.

Durante questa fase la pioggia, sole ed il vento contribuiscono a portare via i tannini più amari, ad asciugare il legno dall'umidità naturale e ad affinare gusto e aroma del legno grazie a particolare trasformazioni biochimiche.

Successivamente le tavole vengono tagliate per ricavare le doghe che poi vengono assemblate.

Dopodichè si passa alla fase della tostatura che serve a far sprigionare al legno i suoi aromi e profumi. La botte aperta viene posta per 10-15 minuti sulle fiamme di un fuoco acceso con legno di quercia.

I prezzi più elevati delle botti europee sono principalemnte determinati dalla materia prima qualitativamente migliore e soprattutto dalla lavorazione manuale.

Fondamentale per il risultato nel bicchiere è la scelta di botti nuove o di più passaggi, ovvero la botte viene riutilizzata più volte per l’affinamento e ad ogni utilizzo la cessione di tannini e sostanze aromatiche è minore. La scelta della botte varia in base al tipo di vitigno utilizzato, al tipo di vino che si vuole ottenere ed anche al costo. Un lungo periodo in botte determina una riduzione della quantità di prodotto con conseguente aumento dei costi. L’esperienza ha portato le cantine a mescolare sapientemente i vini delle diverse botti per ottenere prodotti diversi, per ottenere vini più strutturati è previsto l’uso misto di barrique e botti grandi durante la trasformazione del mosto in vino.
Le botti maggiormente usate si distinuguono per capacità, più la botte è piccola più i sentori del legno sono accentuati poiché il rapporto legno/vino è maggiore.
La barrique bordolese è quella più diffusa ed ha una capacità di 225 litri, la piece borgogna 228 litri, i tonneau tra 500 e 550 litri, le botti grandi possono arrivare a contenere diversi ettolitri di vino.
Le barrique vengono utilizzate per la maturazione,ma anche solo per un passaggio della durata variabile per raggiungere altissimi livelli qualitativi sia dei vini bianchi che dei vini rossi.
Le botti grandi, con doghe spesse, vengono di norma utilizzate per l’invecchiamento dei grandi vini rossi come Barolo e Brunello di Montalcino, dove i vini passano lunghissimi periodi in botte e il vino, grazie alla micoro-ossigenazione lenta e costante riesce ad evolvere, arrotondare gli spigoli e smorzare i tannini aggressivi tipici di queste uve rosse.

La scelta di utilizzare le botti per periodi più o meno lunghi dipende dalle cantine e dal tipo di vino che vogliono produrre. Le richieste dei mercati sono differenti, i vini australiani e americani sono più “barricati” rispetto agli italiani che cercano di usare il legno con “parsimonia” cercando di non coprire mai i sentori del vino. Negli ultimi anni si è assistito ad un progressivo aumento di legno nei vini anche perché la moda richiedeva vini barricati. In Australia e America vengono prodotti i cosiddetti chips wine, ovvero dove truccioli di quercia vengono lasciati galleggiare nel vino. Passata la moda dei barricati, oggi vengono venduti vini “chips free” ovvero con pochissimi sentori di legno.

La tradizione vuole che l’utilizzo del legno sia riservato ai grandi rossi da invecchiamento, però anche i bianchi passati in botte danno risultati sorprendenti. Bianchi con grande struttura, aromaticità e corpo oggi sono apprezzati anche in abbinamento a carni non troppo grasse. I vitigni migliori sono senza dubbio lo Chardonnay e il Sauvignon.


Gli aromi che il vino acquisisce durante l’affinamento in legno sono chiamati terziari e si fondono con gli aromi primari e secondari per comporre il bouquet caratteristico.
Profumi di fiori secchi e appassiti, frutta secca e confetture, eterei ed animali, tostati e speziati, fondendosi con quelli già presenti e in continua evoluzione, danno origine ad un bouquet particolare e complesso. Ma i profumi primari non scompaiono del tutto. Di fatto, a volte è possibile risalire al vitigno di origine anche in vini invecchiati, grazie all’indelebile impronta del vitigno.


PERLAGE

QUANDO: 25 Maggio 2012

DOVE: PIazzale Casa della Contadinanza al Castello di Udine

Quale modo migliore di festeggiare la primavera se non un brindisi con le bollicine?
Perlage è la rassegna enologica dedicata al mondo dei vini spumanti, metodo classico e metodo charmat, che si terrà il 25 Giugno a partire dalle 19 alla Casa della Contadinanza sul colle del castello di Udine.
L' organizzazione a cura della Pro Loco di Udine in collaborazione con la rivista del gusto Brda & Collio e Vino in Rosa, ha riunito 40 tra i migliori produttori di vino spumante del Fvg e del Brda (Collio Sloveno) e altrettanti ristoratori.
I visitatori avranno la possibilità di degustare tutti i vini presenti e assaggiare i piatti dei vari stand.
Vinidocfriuli sarà presente all'evento con uno stand dedicato, per presentare i vini e le cantine partner.
Info & prenotazioni: 348 7616334
Biglietti in prevendita presso i ristoranti

cantine aperte 2012

QUANDO: 27 Maggio 2012

DOVE: cantine FVG

Anche quest’anno si rinnova il tradizionale appuntamento con Cantine Aperte, la manifestazione organizzata dal Movimento Turismo del Vino è giunta alla sua 20 edizione e si riconferma il più importante appuntamento in Italia dedicato ad appassionati ed intenditori.
Nell’ultima domenica di Maggio circa 1000 aziende rimarranno aperte per degustazioni e visite guidate a eno-turisti che avranno il piacere di trascorrere una domenica tra vini e vitigni.
In Friuli saranno aperte oltre 90 cantine che offriranno un ricco programma per le visite nelle giornate di Sabato 26, Domenica 27 e, novità assoluta di quest’anno, anche Lunedì 28 maggio 2012.
Sul sito del Movimento sarà possibile prendere visione del programma completo e cliccando sull’immagine in basso scaricare la mappa con le cantine che aderiscono al progetto.
Per i astronauti più tecnologici sarà inoltre possibile scaricare gratuitamente da App Store l’applicazione per iPhone “Cantine Aperte” e seguire gli aggiornamenti in tempo reale sulla pagina Facebook e Twitter.
Da segnalare anche il servizio “Winebus Cantine Aperte” con partenza da Trieste: domenica 27 maggio, su prenotazione, per la visita di alcune delle cantine aperte con accesso alle degustazioni dedicate.
Per aquistare i vini delle "cantine aperte" visita il nostro catalogo. Tuitti i vini in vendita su Vinidocfriuli - il miglior sito del web di vendita di vini friulani.

80° fiera regionale dei vini

QUANDO: dal 1al 3 Giugno 2012

DOVE: Buttrio - Villa di Toppo Florio

E' iniziato il conto alla rovescia per l’inizio della attesissima Fiera regionale dei vini di Buttrio in programma dal 1° al 3 Giugno nella splendida cornice della villa di Toppo Florio.
La kermesse giunta alla sua 80^ edizione prevede un programma ricco di eventi, con importanti novità, tra degustazioni enogastronomiche, musica, spettacoli e momenti culturali, con un unico protagonista: il buon vino friulano.
Novità di quest’anno, grazie alla collaborazione con Ersa a Consorzio delle DOC FVG, si terrà il concorso della ribolla gialla spumantizzata.
Durante la fiera ci saranno le premiazioni del concorso che si colloca tra le varie iniziative di “Friulano & Friends” 2012. Dalla prima selezione effettuata in collaborazione con AIS Sommelier FVG, verranno individuati i finalisti e anche la Ribolla vincitrice che sarà premiata nel corso della cerimonia ufficiale in Villa Toppo Florio il 1° Giugno alle ore 19.
Per conoscere tutto il programma della manifestazione è possibile visitare il sito: http://www.fieravinibuttrio.it/programma

APPROFONDIMENTO:

ABBINAMENTO CIBO VINO

L’obbiettivo dell’abbinamento cibo/vino è quello di raggiungere una perfetta armonia tra le sensazioni percepite, la scelta del vino si basa esclusivamente su analisi organolettiche. Tenendo sempre presente che:
- L’alimento può esaltare una caratteristica del vino
- L’alimento può smorzare una caratteristica del vino
- L’intensità degli aromi dell’alimento può occultare quella del vino e viceversa
- Il vino può apportare nuovi aromi all’alimento
- Il vino e il cibo possono interagire per creare sensazioni aromatiche più pronunciate di quelle di un vino o di un alimento isolati
In un cibo si possono trovare varie sensazioni. I parametri di valutazione sensoriale del cibo si dividono in SENSAZIONI MORBIDE E SENSAZIONI DURE
SENSAZIONI MORBIDE
GRASSEZZA
Ci riferiamo ai grassi solidi , cioè a quelli che danno una percezione solida tra lingua e palato. Il grasso per eccellenza è il burro , un altro importante è il lardo, che danno quella sensazione pastosa in bocca perché non si sciolgono subito. Anche il cioccolato lo è perché contiene almeno un 30% di burro di cacao che è responsabile di quella nota pastosa che il cioccolato soprattutto fondente ci lascia dopo la deglutizione. Ma anche le carni , i formaggi , la pancetta , il guanciale , la parte grassa del prosciutto , ecc.
TENDENZA DOLCE
Non va confusa la tendenza dolce con la dolcezza vera e propria. Per dolcezza si intendono zuccheri aggiunti in una preparazione (dessert, dolci). Quando invece siamo in presenza di tendenza dolce è un qualcosa che assomiglia alla dolcezza ma è più vicino all'insipido. E' tipica degli amidi , dei carboidrati , delle carni succulente, del pane , dei formaggi , del latte , delle patate , della frutta , del pesce
SUCCULENZA
La succulenza è la presenza di liquido in bocca. Si definisce intrinseca quando c'è del liquido direttamente nella preparazione che introduciamo in bocca, come in un brodo oppure in un piatto con molto condimento, oppure le ostriche , i bolliti , i brasati ; è invece indotta se proviene da sostanze che inducono alla masticazione che a sua volta genera salivazione, ad esempio la bistecca fiorentina, lo spezzatino di cinghiale, il pane , i formaggi .
UNTUOSITA'
E' certamente riferita all' olio vegetale . Mentre il grasso è qualcosa di solido, la nota untuosa è qualcosa di liquido che rende la lingua velata ed insensibile. Viene data in bocca dall'olio oppure dalla presenza di grassi liquefatti . Ad esempio il burro fuso che dà contemporaneamente sensazioni di grassezza e di untuosità. Se in una preparazione non c'è olio e non si sono altre forme di grassi liquidi non avremo sensazione di untuosità.
SENSAZIONI DURE
SAPIDITA'
E' il carattere saporito tipico del sale , che può essere aggiunto prima o dopo la cottura oppure durante la stagionatura di formaggi e salumi o la preparazione di pesci come l'aringa ed il baccalà.
TENDENZA AMAROGNOLA
La tendenza amarognola viene percepita in prevalenza sul fondo della lingua e può essere data da alimenti che hanno questa qualità intrinseca come il radicchio , i carciofi , il fegato , il tartufo , gli affumicati , oppure è caratteristica dei piatti cucinati alla griglia o alla brace per la formazione si sostanze carbonizzate. Può essere data anche da una presenza rilevante di erbe aromatiche .
TENDENZA ACIDA
E' data da una presenza rilevante di sostanze acidule . E' presente in quasi tutti i derivati del latte (es:panna), oppure in preparazioni nelle quali è stato aggiunto qualcosa di acido come l' aceto , il limone, l' aceto balsamico , la salsa di pomodoro poco cotta .
SPEZIATURA
La speziatura del cibo è percepita con l'olfatto. E' determinata con l'addizione di spezie o erbe aromatiche cucinate come ingredienti di una preparazione. E' tipica dei salumi e di alcuni formaggi stagionati , ma è presente anche in piatti tipici come il risotto allo zafferano . Questa sensazione è a volte accompagnata dalla piccantezza .
AROMATICITA'
L'aromaticità del cibo è percepita con l'olfatto. Può trattarsi dell'aromaticità naturale (pesce, formaggi, funghi, crostacei), oppure è qualcosa di gustoso e profumato fornito dalla presenza di spezie o erbe aromatiche a crudo utilizzate anche in combinazione fra loro.
PANINOI metodi di abbinamento cibo/vino sono due. Abbinamento per contrapposizione: si ricerca nel vino la caratteristica opposta alla sensazione offerta dal cibo, per BILANCIARE le caratteristiche più marcate dell’alimento. Abbinamento per concordanza: si fa corrispondere alla caratteristica del cibo un analoga caratteristica nel vino, si ricercano quindi nel vino sensazioni simili a quelle presenti nel cibo. La concordanza va ricercata nei sapori ed anche nella struttura del piatto, ad un piatto semplice si abbina un vino non troppo strutturato.
Abbinamento per contrapposizione
Abbinamento per concordanza
Cibo
Vino
Cibo
Vino
Sapidità
Tendenza amarognola
Tendenza acida
Grassezza
Tendenza dolce
Succolenza
Untuosità
Morbidezza
Acidità
Sapidità
Effervescenza
Alcolicità
Tannicità
Dlcezza
Aromaticità e speziatura
Persistenza
gusto-olfattiva
Struttura del cibo
Dolcezza
Intensità gusto-olfattiva
Persistenza aromatica intensa (P.A.I.)
Corpo del vino
NB: esistono gli “abbinamenti impossibili” ovvero dei cibi con i quali è impossibile abbinare un vino:
carciofi crudi o cachi che sono ricchi di tannini
Cioccolato fondente oltre il 75%
Piatti a base di salse di aceto o limone perché la carica acidula sarebbe sempre prevalente

APPROFONDIMENTO:

PICOLIT L’oro giallo del Friuli

Si tratta di uno dei vini più nobili e antichi del Friuli, il conte Fabio Asquini nel 1750 lo descrive come il “nettare prodotto dagli sparuti acini del grappolo”
La zona di produzione è una fascia collinare che dai confini con la provincia di Gorizia arriva a Tarcento, in provincia di Udine. E’ una DOCG dei Colli Orientali del Friuli e zottozona Cialla, una piccola area a nord di Prepotto.
DOC Colli orientali del Friuli
GRAPPOLO PICOLIT
Il Picolit è un vitigno autoctono a bacca bianca, molto raro infatti cresce solo in alcune aree della pianura friulana. La particolarità di questo vitigno è la produzione incostante e scarsa a causa dell’aborto floreale a cui vanno incontro parte degli acini del grappolo. Il grappolo maturo si presenta di media lunghezza e con pochi e piccoli acini dal colore verde dorato.
La limitata quantità di chicchi su ogni grappolo fa sì che a maturazione raggiunta diventino particolarmente dolci e ricca di componenti aromatici e zuccheri. La resa è bassissima, al massimo 4 tonnellate per ettaro. Le uve sono portate as appassimento sulla pianta o dopo la vendemmia su graticci, cassette o in locali a ventilazione forzata.
COLORE PICOLIT
Il vino è di colore giallo oro vecchio quasi ambrato, molto consistente, il profumo è suadente ed elegante con note di fiori di campo, mandorlo, pesco, acacia seguiti da miele e frutta matura, si distinguono profumi di albicocca, fico e canditi. Il sapore è dolce ma non stucchevole, caldo, armonico e avvolgente. Aristocratico e con un lunghissimo finale leggermente ammandorlato.
FORMAGGISi esalta sui formaggi saporiti, erborinati e piccanti; ma è ottimo anche in abbinamento a fegato d'oca e foie gras. Per chi invece predilige l’abbinamento più classico è perfetto a fine pasto con la pasticceria secca. Emozionante da solo come vino da meditazione.
Si serve nel bicchiere a forma di tulipano, leggermente svasato per apprezzare di più le note floreali. La temperatura di servizio è tra il 12 e 14°.
Considlio D’Autore: diffidate dei Picoit troppo a buon mercato, potrebbero essere tagliati con altre uve o falsi.
Per conoscere i migliori Picolit in vendita visita la sezione VINI DOLCI PICOLIT.

news:

Gino Perissutti, del Birrificio Foglie d’Erba di Forni di Sopra, in provincia di Udine, è il “Birraio dell’anno 2011”.

Il riconoscimento, organizzato da Fermento Birra e giunto alla 3° edizione, valuta le capacità tecniche e la filosofia produttiva dei migliori birraioli. Ad eleggere il migliore una commissione formata da 50 esperti distributi su il territorio nazionale che hanno assegnato il premio non per una sola bottiglia, ma per la costanza qualitativa dimostrata nell’intero anno, per la capacità di emozionare e per lo spessore tecnico.
La consegna del premio al birraio dell’anno si svolgerà giovedì 5 aprile 2012 a Roma. Per l’occasione sarà organizzato un evento speciale: al Bir&Fud di via Benedetta alle 19.30 in scena la premiazione seguita da una cena/buffet con protagoniste le birre di Foglie d’Erba. Per maggiori informazioni: http://www.fermentobirra.com/gino-perissutti-di-foglie-derba-vince-il-birraio-dellanno-2011/

logo
Nota dell'autore: Anche se Vinidocfriuli è un sito di vendita online di vini friulani, siamo orgogliosi che questo prestigioso riconoscimento sia stato assegnato ad un birrificio friulano. A conferma che non siamo solo tra i migliori a produrre vini ma anche birra.


65° FESTA DEL VINO

QUANDO: dal 5 al 15 Aprile 2012

DOVE: San Cassiano di Livenza PN

Giovedi 5 APrile a Cassiano di Livenza, frazione del comune di Brugnera in provincia di Pordenone, prenderanno il via i festeggiamenti per la 65° Festa del Vino. Un programma ricco di eventi, appuntamenti culturali ed enogastronomici. Per tutta la durata della festa saranno attivi il parco divertimenti, i chioschi per la degustazione dei vini locali, la cucina e la rosticceria. Per conoscere il programma dettagliato visitate il sito: http://www.festadelvino.too.it/

logo


20 - 24 Marzo 2012

IL FRIULI A CORTINA

I vini friulani protagonisti degli eventi in programma per il festival del cinema di Cortina d’ Ampezzo: Cortinametraggio.

Cortinametraggio - patrocinato da Regione Veneto, Comune di Cortina e Provincia di Belluno - è il festival del cinema in programma dal 20 al 24 Marzo a Cortina d’ Ampezzo. Si tratta di una manifestazione nata alla fine degli anni novanta molto nota tra gli addetti al settore. Un evento in grande stile che si avvale di collaborazioni preziose come il Sindacato Nazionale Giornalisti Cinematografi Italiani (SNGCI) che porterà a Cortina il premio nazionale per il cortometraggio, i Nastri d’ Argento dedicati agli autori, ai protagonisti, ai produttori più giovani. Saranno 28 i cortometraggi italiani di commedia che concorreranno, per la sezione Corticomedy di Cortinametraggio 2012, all’assegnazione del premio “Lotus Production” per il miglior corto assoluto e di tanti altri riconoscimenti.
Il carnet di ospiti che affolleranno la Regina delle Dolomiti in occasione della manifestazione sarà ricco e prestigioso, solo per citare alcuni nomi troviamo Paolo Genovese e Luca Miniero, Eliana Miglio, Jane Alexander, Isabella Ragonese, Veronica Pivetti, Ricky Tognazzi e Simona Izzo, Diane Fleri, Rodolfo Corsato ed Elisabetta Rocchetti. Inoltre già si scommette su quali saranno i giovani talenti che quest’anno arriveranno a Cortina per Cortinametraggio e dei Corti d’Argento.
Durante i 5 giorni di manifestazione si susseguiranno una serie di eventi, cene di gala e cocktail ospitati nei locali più prestigiosi di Cortina che avranno tra gli invitati celebrità come registi, giornalisti, attori e personaggi dello spettacolo. A fare da elegante cornice a tutti gli appuntamenti mondani saranno i vini friulani, infatti le migliori aziende vitivinicole del territorio offriranno i loro vini per accompagnare gli aperitivi e i ricchi menù. La partecipazione all’evento è stata resa possibile grazie al coordinamento di Vinidocfriuli, azienda di Udine specializzata nella distribuzione di vini, la cui mission è la diffusione dei vini friulani nel mondo. La titolare, Gloria Cerno, si dice molto soddisfatta dell’ adesione all’evento da parte delle aziende che ha reso possibile la riuscita del progetto. “In tutti gli eventi saranno serviti esclusivamente vini friulani – dice la Cerno – ed è questo il modo giusto per presentare la nostra regione nel mondo”. Le aziende protagoniste sono: AZ. AGR. ALESSIO DORIGO, AZ. AGR. BORGO SAN DANIELE, AZ. AGR. MARIO SCHIOPETTO, AZ. AGR. SPECOGNA, AZ. AGR. SUBIDA DI MONTE, AZ. AGR. VICENTINI ORGNANI, LIVIO FELLUGA, PITARS, RONCO DI PREPOTTO, SOC. AGR. FLAIBANI, SOC. AGR. TIARE, TENUTA DI ANGORIS, TENUTA LUISA, VIGNE FANTIN NODAR.
La serata di gala a conclusione dell’evento che si terrà al Grand Hotel Savoia, vedrà protagoniste le Donne Del Vino FVG che offriranno i loro vini spaziando da bollicine, bianchi e rossi rigorosamente autoctoni. A fare le dovute presentazioni la Delegata Regionale Cristiana Cirielli che introdurrà agli ospiti il Friuli del vino in rosa e le sue peculiarità.

VINO A COLORI

Il glossario dell'aspetto del vino

Attraverso l'analisi visiva del nostro vino possiamo capire alcuni caratteri e prevedere delle sensazioni che saranno poi verificate al naso e palato.
Il colore è determinato dal complesso delle sostanze polifenoliche presenti soprattutto nella buccia degli acini. Per ottenere vini colorati, la fermentazione dovrà avvenire a contatto con le bucce, si parla in questo caso di vinificazione in rosso. Del colore si osservano: intensità, tonalità e vivacità.
Di seguito alcune preziose indicazione per leggere dal colore alcune informazioni che ci anticipano i sapori che troveremo in bocca.
COLORE DESCRIZIONE
GIALLO
VERDOLINO
Giallo molto tenue con riflessi verdi.
Vini bianchi molto giovani, leggeri e freschi. Un vino fresco significa che ha una buona acidità.
GIALLO
PAGLIERINO
Colore simile a quello della paglia che può assumere riflessi verdolini o dorati.
E' la tonalità più comune nei vini bianchi costruiti per essere bevuti piuttosto giovani. Lascia presupporre un buon equilibrio, cioè un buon rapporto tra acidità e morbidezza.
GIALLO
DORATO
Tonalità calda e dorata ricorda l'oro giallo.
Si riscontra nei vini bianchi più maturi, in parte evoluti e morbidi. Vini da cui ci si aspetta una buona struttura.
GIALLO
AMBRATO
Tonalità che ricorda pietre come l'ambra e il topazio si riscontra nei vini bianchi passiti o liquorosi con un rapporto acidità/morbidezza a favore della seconda. Ci si aspetta vini molto morbidi e molto evoluti.
ROSA
TENUE
Tonalità che ricorda i fiori di pesco o di rosa. Normalmente sono vini da uve a bacca nera sottoposti a breve contatto tra bucce e mosto. Se assume riflessi violacei possiamo pensare che il vino sia giovane mentre in presenza di riflessi rame possiamo pensare ad una vinificazione in bianco di uve dotate di materia colorante.
ROSA
CERASUOLO
Tenolaità più intensa del tenue simile a quella della polpa di ciliegia. Si ottengono con una macerazione un pò più lunga rispetto alla precedente.
ROSA
CHIARETTO
Tonalità rosso rubino molto chiaro, in questo caso la macerazione è ancora più lunga rispetto alla precedente.
ROSSO
PORPORA
Si risconra nei vini rossi molto giovani che ancora tendono alla durezza. Vini giovani fresche e tannici che normalemte non vengono messi in commercio.
ROSSO
RUBINO
Vini giovani, equilibrati e pronti al consumo Il colore ricorda la pietra, rubino, e denota un buono stato di salute del vino. E' tipica dei vini rossi friuani.
ROSSO
GRANATO
Tonalità che si riscontra nei vini rossi maturi, vini morbidi in parte evoluti, costruiti per essere consumati invecchiati.
ROSSO
ARANCIATO
Tonalità che si riscontra esclusivamente nei vini invecchiati, vini molto morbidi ed evoluti. Colore che ricorda il mattone con riflessi dal bruno all'aranciato. Se troviamo questo colore in un vino giovane è indice negativo.


24 Gennaio 2012

EVVIVA: E' NATO IL NUOVO CONSORZIO DEI CONSORZI DOC

UN NUOVO PASSO VERSO LA CRAZIONE DI UN DOC UNICA PER IL FRIULI E' STATO FATTO.
In regione si è compiuto un nuovo passo per raggiungere uno degli obbiettivi dell’ assessore regionale all’agricoltura Claudio Violino e cioè la creazione di una Doc unica per il Friuli Venezia Giulia. Obbiettivo condiviso dalla maggioranza del mondo vitivinicolo e certamente da tutti gli esperti di marketing e vendite. Il Consorzio dei Consorzi delle DOC non avrà scopo di lucro, bensì come illustrato dallo stesso Violino e dal direttore generale dell’ Ersa Mirko Enzo Bellini, si tratta di un organismo di secondo grado finalizzato a ricevere incarichi per progetti di promozione collaborando con l’ Agenzia per lo Sviluppo in Agricoltura e i consorzi.
I soci fondatori del nuovo consorzio sono i consorzi di tutela dei vini DOC: Friuli Annia, Friuli Aquileia, Friuli Colli Orientali e Ramandolo, Friuli Grave, Friuli Isonzo e Friuli Latisana. Il presidente per il primo triennio è stato nominato Giorgio Badin, già presidente della Doc Isonzo. Al momento le doc Collio e Carso non hanno aderito all’iniziativa ma gli esponenti del consorzio hanno dato la loro massima disponibilità per accogliere le adesioni in futuro.
Già in passato avevamo assistito a forme di collaborazione spontanee tra i vari consorzi che avevano portato discreti risultati. La scelta – da noi condivisa – di creare un organismo che raccolga e coordini i vari consorzi non può che rendere più efficaci le attività di promozione del territorio e portare maggiori risultati alle aziende.
Non potevamo che essere d’accordo con questa scelta, infatti la mission di Vinidocfriuli è proprio di “condividere con tutti la passione per il vino e la tradizione enoica della nostra terra, il Friuli-Venezia Giulia”. Una regione e non una “regione a tocchi”.


COMUNICATO STAMPA VINIDOCFRIULI 01/2012

SPOSARSI: L’IDEA IN PIU’
BOTTIGLIA DI VINO O GRAPPA COME BOMBONIERA ORIGINALE PER I PROPRI OSPITI
Si è appena conclusa a Udine l’ ottava edizione della chermesse dedicata agli sposi e al mondo delle cerimonie ed eventi. L’edizione ha raggiunto quota 6000 visitatori, con una crescita di oltre il 30% rispetto allo scorso anno. Bomboniere, carrozze, auto, catering, wedding planner, fioristi, fotografi e molte altre ancora sono le categorie di espositori – dislocati in 3 padiglioni - che hanno preso parte all'evento. A richiamare i visitatori è stato anche il ricco programma di eventi: sfilate, concorsi, corsi di cucina, trucco e acconciature, organizzati dagli espositori e dalla società.
Grandissimo successo ed interesse hanno riscosso le proposte di Vinidocfriuli: bottiglie bomboniera e forniture di vino per gli eventi.
Vinidocfriuli è un azienda udinese specializzata nella promozione e vendita di vini della regione Friuli-Venezia Giulia, la società si occupa anche di forniture di vini per eventi, matrimoni e catering garantendo flessibilità e immediata consegna degli ordini e il miglior rapporto qualità prezzo.
La scelta delle bomboniere è sempre un momento critico per gli sposi moderni che non vogliono deludere le aspettative degli ospiti e vogliono evitare regali inutili che finiscono in fondo a qualche cassetto.
Una bottiglia di vino è un regalo sempre gradito che tutti gli ospiti apprezzano. Il vino è sinonimo di festa, allegria e convivialità, chi lo riceve lo terrà come ricordo del matrimonio o potrà berlo alla salute degli sposi in un occasione speciale.
Le possibilità di personalizzazione per rendere unica ogni bottiglia sono tantissime. Scatole colorate o bianche con i nomi, sacchetti di stoffa portabottiglie, nastri di raso colorati. Le bottiglie di vino possono avere etichetta personalizzata, con una dedica oppure una foto, un disegno, una citazione o semplicemente i nome degli sposi. Per chi non vuole rinunciare alle tradizioni, sarà possibile legare con un nastro di raso il sacchetto dei confetti al collo della bottiglia. Un idea in più come regalo per i testimoni sono i formati speciali delle bottiglie, magnum da 1.5 lt o jeroboam da 3lt, confezionate in eleganti scatole di cartone o preziosi cofanetti in legno, molto originale in abbinamento ad un set da vino o a dei calici in cristallo. Vinidocfriuli propone tutti i vini regionali, bianchi rossi e dolci come Ramandolo e Picolit, anche nei formati da 0,37 lt. Inoltre ci sono le bottiglie di grappa della linea Bepi Tosolini, sia nei formati tradizionali che in quelli da 100 cl.
Grande interesse anche per le forniture di vini, infatti sempre più spesso gli sposi preferiscono rivolgersi ad aziende specializzate per la scelta del vino. I vini sono protagonisti indiscussi per accompagnare un buon banchetto e per la perfetta riuscita di una festa o di un evento. Vinidocfriuli offre la possibilità di abbinare al menu una perfetta scelta dei vini, spaziando dai vini bianchi freschi spumatizzati per gli aperitivi, bianchi fermi per le portate di pesce, i rossi per le carni e, per accompagnare i dessert, bollicine o eccellenti vini dolci. Da Vinidocfriuli si possono trovare i vini ideali da aperitivo e fuori pasto da stappare al momento del tradizionale rinfresco che precede la cerimonia e per ogni altra occasione.

Udine Sposa

logo

QUANDO: 14-15-16/01/2012
DOVE: Udine Fiera
Venite a trovarci al Padiglione 5
Vinidocfriuli prenderà parte alla chermesse dedicata agli sposi che inizierà Sabato 14 e si concluderà Lunedi 16 Gennaio. La fiera, arrivata ormai alla sua ottava edizione, è l'evento fieristico dedicato agli sposi più importante in regione. Oltre 150 espositori specializzati provenienti dal Friuli, Veneto, Austria e Slovenia accoglieranno i visitatori proponendo ogni tipo di servizio e prodotto per rendere il giorno del matrimonio un giorno perfetto.
sposi
Vinidocfriuli, specializzato nella fornitura di vini per eventi, matrimoni e catering presenterà la sua selezione di vini da proporre in abbianamento al menu del matrimonio per esaltare i sapori del cibo e per offrire agli invitati una scelta raffinata e di gran classe. I visitatori potranno richiedere preventivi senza impegno e consigli sui vini da abbianare al menu per rendere ogni piatto unico. Vinidocfriuli si occupa anche delle forniture per i vini ideali da aperitivo e fuori pasto da stappare al momento del tradizionale rinfresco che precede la cerimonia e per ogni altra occasione.
foto
Da Vinidocfriuli potrete trovare una serie di bomboniere bottiglie con le più svariate personalizzazioni di etichette, confetti, nastri e confezioni.
Una bottiglia di vino è un regalo sempre gradito che tutti i gli ospiti apprezzano. Il vino è sinonimo di festa, allegria e convivialità, chi lo riceve lo tiene come ricordo del matrimonio o lo beve in un occasione speciale. Le possibilità di personalizzazione per rendere unica ogni bottiglia sono tantissime. Scatole colorate o bianche con i nomi, sacchetti di stoffa portabottiglie, nastri di raso con il nome. Le bottiglie di vino possono avere etichetta personalizzata, realizziamo la grafica con i vostri nomi, oppure una vostra foto, un disegno, una citazione o una frase importante. In una versione semplice, ma sofisticata, sarà appeso al collo della bottiglia un cartellino con i vostri nomi e data delle nozze per non perdere l’originalità della bottiglia e per chi non vuole rinunciare alle tradizioni, sarà possibile legare con un nastro di raso il sacchetto dei confetti al collo della bottiglia.
foto
Bomboniere, carrozze, auto, catering, wedding planner, fioristi, fotografi e molte altre ancora sono le categorie di espositori che prenderanno parte all'evento e saranno displocati all'interno di 3 padigiloni dell'area espositiva in un percorso ben organizzato e ricco di idee e proposte.
Molto interessante è il programma degli eventi che anche quest'anno arricchirà le giornate della fiera: sfilate, passerelle, prove trucco e acconciature sono solo alcuni degli imperdibili eventi per chi sogna un matrimonio perfetto. La chermesse, come tradizione, si concluderà con magnifico spettacolo pirotecnico e il tagli della torta. Il programma dettagliato è consultabile dal sito nella sezione eventi.
buoni consigli:
  • ° Tra tutti i visitatori sarà messa in palio una coppia di fedi e altri premi, per partecipare basta compilare il coupon scaricabile dal sito e consegnarlo alle casse al proprio arrivo.
  • ° dal sito è possibile richiedere un coupon per entrare a prezzo ridotto.
Gli orari d'ingresso sono:
  • - Sabato 14 Gennaio 10.00 - 20.00
  • - Domenica 15 Gennaio 10.00 - 20.00
  • - Lunedí 16 Gennaio 14.00 - 19.00

  • Il Pignarul di Tarcento

    QUANDO: 05-06/01/2012
    DOVE: Tarcento
    Tradizione antichissima, quella di accendere il Pignarul il giorno dell'Epifania, in tutto il Friuli si possono ammirare fuochi grandi e piccoli, senza dubbio il più conosciuto è il Pignarul a Tarcento accompagnato da 2 giorni di festeggiamenti con musica, balli e ricchi banchetti enogastronomici. Il Pignarul è una catasta di legna e frasche che viene accesa, il fuoco simboleggia la speranza nel nuovo e la voglia di bruciare il vecchio, la direzione del fumo viene letta come presagio per il nuovo anno: se il fum al va a soreli a mont, cjape il sac e va pal mont; se il fum invezit al va de bande di soreli jevât, cjape il sac e va al marcjât ("se il fumo va a occidente, prendi il sacco e va per il mondo [emigra in cerca di lavoro]; se il fumo invece va a oriente, prendi il sacco e va al mercato") .
    Il Pignarul è un momento di festa per tutta la comunità, si consuma vin brulè e dolci tradizionali tipici.

    Artigiano in Fiera - 16a Mostra mercato internazionale dell' Artigianato

    QUANDO: 03-11/12/2011
    DOVE: Fieramilano Rho
    In occasione della manifestazione "Artigiano in Fiera" nel quartire fieristico di Milano Rho, Venerdi 9 Dicembre alle ore 11:00 ci sarà la presentazione dell'enogastronomia del Friuli Venezia Giulia. A presenziare l'evento saranno l'assessore alle risorse rurali, agroalimentari e forestali della regione, dott. Claudio Violino, e il direttore generale dell' ersa, dott. Mirko Bellini.
    banner

    Sapori di Carnia a Raveo

    QUANDO: 11/12/2011 dalle 10:30 durante tutta la giornata.
    DOVE: Raveo.
    COS’E’:Anche quest’anno Raveo ospiterà la manifestazione “Sapori di Carnia”, nelle vie del borgo medievale, infatti, si potranno gustare i prodotti tipici carnici tra cui polenta, patate e fagioli, formaggi e carne di maiale, salami, speck, salsicce, pancetta, lardo, affumicati per la conservazione e preparati secondo le ricette della tradizione. Da non perdere a colazione “polente e brume”, “crostes di polente tal lat”, “lis fritules di cavoce” e, durante il giorno, minestre di fagioli, fagioli saltati in padella con pancetta, frico di patate, cjarsons -agnolotti d'erbe e spezie con burro fuso e ricotta affumicata- gnocchi di prugne e zucca, canederli, formaggi, ciccioli di lardo, ed il formadi frant “formadi frant”. Ad accompagnare il cibo, vini del friuli e grappe e distillati di casa. La festa enogastronomica ospiterà la prensentazione dello "Strolic furlan pal 2012" della società Filologica Friulana a cura di Riccardo De Infanti.


    Purcit in staiare

    QUANDO: Il 26-27 novembre e 3-4 dicembre.
    DOVE: Artegna (UD).
    COS’E’: rassegna enogastronomica in cui il protagonista assoluto è il maiale e che prende il nome dal ballo con cui i giovani corteggiavano le ragazze (staiare). Entrando nei numerosi camarins (cantine) sparsi nelle strade del paese, si potranno infatti assaporare prodotti tipici (salsicce, salami, sopresse) macellati e lavorati secondo l’antica tradizione artigianale dei norcini arteniesi. I prodotti saranno abbinati a ricette tipiche della zona e accompagnati da vini friulani.

    banner

    salem


    Autunno friulano a San Daniele

    “WINE NOT? 250 MOTIVI PER ESSERCI”; presentazione della guida "Vini e Ristoranti del Friuli Venezia Giulia" de L'Espresso e del Calendario 2012 dedicato al (Tocai) Friulano.
    QUANDO/DOVE: Il 25 novembre 2011, castello di Villalta di Fagagna, presentazione guida e calendario.
    Il 26 novembre 2011, rassegna vini dalle 10.30 alle 20, nel Teatro Ciconi di San Daniele.
    COS’E’: Autunno friulano a San Daniele è una manifestazione ,organizzata dall’ERSA e dal comune di San Daniele, che vuole dare visibilità all’enogastronomia friulana. Si svilupperà in 2 giorni e prevederà la presentazione delle prestigiose pubblicazioni “Vini e Ristoranti del Friuli Venezia Giulia” a cura de l’Espresso e “Calendario 2012” dedicato al (Tocai) Friulano, il 25 novembre e la rassegna “WINE NOT? 250 MOTIVI PER ESSERCI”, il 26. La splendida cornice di San Daniele, in occasione del 50esimo anniversario del suo consorzio, si presterà a fare da vetrina x le eccellenze friulane in campo enologico e agroalimentare. Con i 20€ dell’ingresso (15 per chi acquisterà La Guida “Duemilavini ediz. 2012) si avrà in omaggio un calice professionale da degustazione e si potranno assaporare 250 tipi di vino presentati da oltre 50 delle migliori cantine del FVG e i prodotti tipici regionali del padiglione “Tipicamente Friulano”.
    banner

    Chocofest

    Date: 25-27 Novembre 2011
    Luogo: Gradisca D'Isonzo
    Il 25 Novembre prenderà il via a Gradisca D'Isonzo, la 14a edizione di Chocofest la fiera interamente dedicata al mondo del cioccolato e dei suoi amatori. Le vie della città saranno ricche di bancherelle e le attività locali promuoveranno i prodotti tipici legati al cioccolato.
    Sarà occasione per degustare prodotti di altissima qualità e abbinarli a vini dolci o secchi per assaporarli al meglio.
    per maggiori informazioni visitate la pagina del sito.
    logo ciocc

    Trifule in Fieste

    Date: 25-27 Novembre 2011
    Luogo: Muzzana del Turgnano
    2a Fiera del Tartufo Bianco Friulano
    A MUZZANA del TURGNANO nei giorni 25-26 e 27 novembre 2011 Verrà festeggiato nella sua terra di crescita il tartufo bianco con un apposito convegno all'interno della manifestazione . La fiera , a ingresso libero , permette di degustare il tartufo bianco in abbinamento con i migliori vini del Friuli , in menù sopraffini ma dai costi contenuti , serviti in un ristorante coperto e riscaldato allestito per l'occasione nel cuore del paese . Saranno i cuochi di alcuni dei migliori ristoratori della zona ad abbinare il pregiato tubero con polenta , pasta fresca e manzo .
    Per ulteriori informazioni , chiarimenti o prenotazioni telefonare a DEL PICCOLO Gianfranco : 3384547580 - PEROSA Renato : 0431 69000 (trattoria "Friuli") .


    Vino in Rosa

    Date: 6 Novembre 2011 dalle ore 17.30
    Luogo: Palazzo Kechler, Udine piazza XX Settembre
    Manifestazione che si svolge in uno dei palazzi più belli del centro di Udine, che vede dodici donne titolari o rappresentanti di attività di tipo enoteca, bottiglieria, winebar o ristoranti; che presenteranno ogniuna tre varietà di vino di dodici prestigiose aziende vinicole, con la possibilità quindi per gli avventori alla serata di degustare, con sapienza e maestria delle nostre Lady, 36 varietà di vino diverse.
    Tutto ciò sarà contornato da un buffet di prodotti tipici che rappresenteranno la territorialità del Friuli Venezia Giulia dal Mare alla Montagna passando per la Pianura e la zona Collinare, come è anche la provenienza delle 12 Lady del Vino che rappresentano queste dodici attività sparse nella provincia di Udine. Inoltre ci saranno 3 Lady Chef della Trattoria "Al Cercjeben" che proporanno tre ricette legate al territorio.
    L'evento è a pagamento, biglietti in pre-vendita presso il Cercjeben e i locali aderenti alla manifestazione
    info@vinoinrosa.com - Tel +39 345 8704887



    Le meraviglie Italiane

    I migliori vini del Bel Paese

    La tradizione enologica italiana vanta tradizioni antichissime, in Italia il vino si produce in ogni regione con delle eccellenze riconosciute in tutto il mondo, molte aree dispongono di un patrimonio ampeleografico con vitigni tipici unici. I vini più conosciuti per regione sono:
    - Valle D’Aosta: Nebbiolo
    - Piemonte: 9 vini DOCG 40 vini DOC
    I più rinomati sono senza dubbio i Barolo, i Dolcetto e Barbera. Tra i bianchi il più diffuso è il Moscato Bianco.
    - Lombardia: Franciacorta in provincia di Brescia è la patria degli spumanti italiani
    - Veneto: è una delle regioni più produttive in Italia in termini quantitativi. A Valpolicella si trova il celebre Amarone, un grande vino rosso famoso in tutto il mondo e la zona Conegliano-Valdobbiadene nota a tutti per il Prosecco spumante dry o extra dry. In Veneto si trova il Soave un dei vini italiani più conosciuti al mondo.
    - Trentino Alto Adige: lo Chardonnay è alla base degli elegantissimi spumanti metodo classico Trento, il Traminer Aromatico raggiunge livelli altissimi in questa regione.
    - Friuli Venezia Giulia: la patria indiscussa dei vini bianchi sia autoctoni che internazionali, conosciuto anche per la qualità dei rossi come Pignolo e Refosco.
    Tutti i vini del Friuli li puoi comprare dal nostro sito, il migliore sito italiano per la vendita di vini online friulani.
    - Liguria: le viti sono coltivate su terrazze, uno spettacolo a cielo aperto. Si ricordano Il Tigullio, il Vermetino e Rossese.
    - Emilia Romagna: negli ultimi anni si è cercato di migliorare al qualità a discapito della quantità. Troviamo eccellenze celebri come il Gutturino, la Malvasia aromatica di Cantia spumantizzata, Lambrusco e i vini DOCG prodotti con il vitigno Albana. Trebbiano e Sangiovese completano l’elenco dei vini più conosciuti della regione.
    - Toscana: terra di grandi vini rossi conosciuti ed apprezzati in tutto il mondo, il re dei vitigni è il Sangiovese che vinificato in purezza lo si trova nel grande Brunello di Montalcino ed è presente anche in altri celebri vini come il Nobile di Montepulciano, il Morellino di Scansano e il Chianti.
    - Marche: piccola regione molto produttiva si distingue per Verdicchio, Trebbiano, Montepulciano e sangiovese. Il Conero è il vino più conosciuto.
    - Umbria: una delle regioni con più antica tradizione enoica tramandata già dall’epoca etrusca. Da sempre è nota per l’Orvieto, il Torgiano Rosso Riserva e il Sagrantino di Montefalco.
    - Lazio: 26 doc e 4 igt dove si producono per la maggior parte vini bianchi. Celebri i vini dei Colli Albani e i Castelli Romani. Due vitigni caratteristici sono il Bellone e il Moscato di Terracina.
    - Abruzzo: è la patria del Montepulciano d’Abruzzo a seguire come importanza il Trebbiano d’Abruzzo.
    - Molise: le zone di produzione sono il Basso Molise dove si trovano le aziende più grandi e l’Alto Molise dove la tradizione è più antica. Oggi si trovano anche grandi esempi di vitigni internazionali come Chardonnay e Pinot.
    - Campania: vanta un antichissima tradizione vitivinicola nota fin dai tempi dei latini. Il territorio è molto variegato dal punto di vista pedoclimatico e strutturale e questa varietà consente la coltivazione di un grande numero di diversi vitigni. Taurasi celbre DOCG di Aglianico, Fiano di Avellino famoso in tutto il mondo, Greco di Tufo che in provincia di Avellino da i suoi risultati migliori, Asprinio di Aversa vino molto fresco, Falanghina tipico vitigno campano, Lacryma Christi del Vesuvio con una grande acidità e un grande tenore alcolico.
    - Puglia: la coltivazione è tipicamente pianeggiante, si trovano a Nord vini come il Bombino Bianco e Nero, Trebbiano, Sangiovese e Montepulciano. Il centro è famoso per ilVerdace e nella parte meridionale i più famosi Primitivo e Negoramaro. Degne di note le Malvasie nere.
    - Basilicata: il vitigno principale è l’Aglianico e da ricordare i Cabernet Sauvignon, i Merlot e la Malvasia Bianca di Basilicata.
    - Calabria: il vino più famoso e diffuso è il Cirò, a seguire vitigni che danno splendidi vini come il Galioppo e il Greco.
    - Sicilia: è senza dubbio una delle regioni italiane più produttive. Il Marsala ha reso celebre la Sicilia nel mondo, con il Nero d’Avola e il Frappato si ottiene un ottimo Cerasuolo di Vittoria. Le pendici dell’Etna hanno il terrori ideale per Carricante e Nerello. Inoltre si ricordano Moscato di Siracusa e Moscato di Noto, ottimi vini da dessert.
    - Sardegna: i vini tipici sono Cannonau, Carignano e Vermentino. Il Vermentino di Gallura è una docg famosa, inoltre di trova la Vinaccia di Oristano ottima come aperitivo.
    mappa italia